Edoardo Franceschini – Astrazione e ritmo 1950 – 2000
A cura di Aldo Gerbino, con testi di Enrico Crispolti, Pierre Restany, Roberto Sanesi.
Giampaolo Prearo Editore.

Pochi pittori sentono oggi il rapporto con la sensibilità e la cultura che Franceschini coltivava nelle infinite corrispondenze tra vibrazionei cromatiche e ritmi segnici.
La musica √® sorella della pittura, suscita partiture dipinte con l’istinto di chi affida alle improvvisazioni del colore le oscillazioni imponderabili del suono.
Claudio Cerritelli